Una spugna Zero Waste: 5 modi di utilizzo della Luffa

luffa
Elisa Sorbini
Elisa Sorbini
Fondatrice di Bravo Brave, professante Zero Waste, mamma.

La luffa ha molteplici utilizzi: culinari, estetici e persino medicali.

Oggi voglio parlarvi dell’utilizzo di questo vegetale come oggetto ecosostenibile da impiegare nell’uso quotidiano, ho, infatti, individuato 5 modi di utilizzo della luffa che ho testato ed approvato.

Cosa è la Luffa e come si raccoglie .

Prima di tutto, chiariamo esattamente cos’è una luffa. La luffa è un genere di piante rampicanti appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee (quella cui appartengono zucche e zucchine).

Il frutto da cui si ricava questa spugna vegetale somiglia ad una lunga zucchina. Per ottenere la spugna, la zucca viene lasciata maturare completamente sulla pianta . Quando la buccia di questa lunga zucchina comincia a diventare marrone, inizia il periodo della raccolta, a questo punto sarà solo necessario tagliarla e pulirla dei semi e delle altre impurità presenti (procedura non proprio semplice) e della buccia. Le dimensioni della zucca raggiunge i 30cm circa.

luffa

5 modi di utilizzo della Luffa

1. Spugna esfoliante da usare sotto la doccia

La luffa viene più comunemente usata sotto la doccia. Per ottime ragioni, perché è composta da fibre leggermente ruvide che sono molto utili per esfoliare la pelle per eliminare cellule morte della pelle per ottenere una pelle liscia e luminosa.

Non è una pratica che utilizzo quotidianamente (non sono una esperta ma non credo che faccia bene esfoliare la pelle ogni volta che si fa un bagno), piuttosto la utilizzo circa una volta a settimana o ogni due settimane, sia in inverno perchè è il periodo dell’anno in cui più di tutti ho la pelle secca, specie quella delle gambe, che in estate soprattutto al ritorno da una giornata di mare. Con la luffa al posto della classica spugnetta ottengo grandi risultati in termini di purificazione.

In particolare, la luffa itulizzata sotto la doccia al posto della classica spugnetta:

favorisce il rinnovamento cellulare per una pelle più morbida, uniforme e idratata;

favorisce l’assorbimento dei principi attivi dei trattamenti successivi (gel, creme, lozioni);

previene inestetismi cutanei, quali macchie, piccole cicatrici, rughe;

aiuta a regolare la produzione di sebo: risulta molto utile nel trattamento della pelle grassa, mista e acneica;

riduce la secchezza cutanea: liberando la pelle da impurità e cellule morte, la pelle appare più sana e compatta;

favorisce la rasatura e inibisce la formazione di peli sottopelle. Se ve lo state chiedendo, non è ideale la luffa per l’esfolizione del viso ( almeno a mio avviso la trovo un po’ troppo “aggressive”), in questo caso, consiglio di utilizzare la spugna Konjac ; la luffa per il resto del corpo.

2. La luffa come alternativa alla spugnetta per lavare i piatti.

Nessuna cucina è troppo piccola per fare la differenza!

Lavare i piatti non è affatto divertente (fortunatamente hanno inventato la lavastoviglie) eppure talvolta è necessario.
La luffa impiegata come accessorio da cucina può rendere la pulizia delle stoviglie molto più green.

Ogni spugna rappresenta un rifiuto indifferenziabile perché composta da materiali derivanti da plastiche, gomme e fibre sintetiche che una volta finito il loro ciclo di utilizzo vanno buttate nella spazzatura senza possibilità di differenziarle.
Durante il loro utilizzo queste spugne lavapiatti rilasciano microplastiche che finiscono dritte nei nostri piatti e nelle acque di scarico che immettiamo in mare.
Da quando l’ho scoperta, insieme alla spazzola in legno con setole vegetali, la luffa è diventata la mia spugna preferita per lavare piatti, pentole, posate e persino i bicchieri da vino! 

È un’ottima sostituta della lana d’acciaio abrasiva ( ed a differenza di questa non graffia) perchè è ideale per rimuovere lo sporco, anche quello più ostinato

spugna per stovihlie in luffa

* Se decidi di usare la luffa sia per la doccia che per la cucina, assicurati di usare 2 spugne separate!

3. Porta saponetta per conservare i saponi solidi

I prodotti solidi, come ad esempio lo shampoo, saponi o detergenti hanno moltissimi vantaggi ma devono essere conservati nella maniera corretta per far sì che durino il più a lungo possibile.
Perfetto a questo scopo è la luffa, perché l’ottima assorbenza del materiale fa sì che i saponi si asciughino in brevissimo tempo.

Portasapone drenante in luffa

4. Pulizie generali della casa

In casa le spugne in luffa sono Ideale per pulire tutte le superfici riducendo gli sprechi : si puliscono con facilità e si strizzano dopo l’utilizzo, e si mantengono a lungo nel tempo. in particolare le caratteristiche della luffa per rimuovere le sporco sono:

Potere di lavaggio, applicata sul qualsiasi superficie rimuove lo sporco senza difficoltà ed è pratica nell’utilizzo

efficienza sono efficaci per rimuovere lo sporco grazie alle loro fibre cattura sporco, non sono soggette a muffe come spesso accade per le spugne sintetiche,

duratura , si mantengono a lungo nel tempo.

Risparmio, il costo è molto vantaggioso e si può autoprodurre, Per chi volesse provare ad autoprodurre la sua luffa, può coltivare la pianta nell’orto o all’interno di un vaso.

5. lavare le verdure

Con la luffa si possono lavare le verdure:

Usare con acqua direttamente sulla buccia delle verdure facendo una leggera pressione per togliere terra e altri residui. Dopo l’uso sciaquala e strizzarla delicatamente e appenderla per farla asciugare.

l’ Impatto ambientale della luffa

La luffa è completamente biodegradabile. Quando non è più funzionale potrete gettarla nell’umido senza recare alcun danno all’ambiente.

 La luffa è decisamente una delle migliori alternative zero waste esistenti!

Consiglio: Al primo utilizzo, la spugna apparirà appiattita e dura. Immergetela in acqua tiepida e lasciatela idratare in modo che le fibre possano dispiegarsi e il cuscino diventi permeabile all’aria, anche il volume aumenterà. Uso dopo uso, la spugna diventerà sempre più morbida. E ritornerà dura dopo averla asciugata!

Sostituire la luffa, specie quella per le pulizie delle stoviglie o della casa ogni due mesi

La Luffa può essere bollita fino a 120 °( ma non è adatto per la lavatrice).

Oltre a questi cinque modi di utilizzo ne conosci altri? Fammelo sapere nei commenti, non vedo l’ora di provare altre applicazioni di questa splendida pianta dalla mille risorse.

Lascia un commento
0
    0
    Il tuo Carrello
    Il tuo Carrello è vuoto
      Calculate Shipping